Chiamata rapida:+393282728632


Alcune applicazioni Georadar

Il Georadar può risolvere molte problematiche del sottosuolo.
La strumentazione georadar viene utilizzata per investigare sezioni di sottosuolo su terreni non troppo accidentati.

Infatti la necessità di avere acquisizioni continue implica lo spostamento del corpo centrale dello strumento, che viene trascinato assieme all'antenna sul terreno o sulla struttura da investigare.
A seconda della tipologia del terreno e della frequenza dell'antenna georadar impiegata la profondità esplorabile è limitata fra circa 1m e 10m dal piano di campagna.

Le applicazioni sono molteplici:
  • localizzazione e delimitazione di corpi interrati localizzazione di sottoservizi
  • valutazione variazioni di omogeneità ricerca di cavità ricerche archeologiche
  • verifiche su armature in varie tipologie di opere ricerche glaciologiche

Esistono anche alcune limitazioni per terreni a grana fine (limi e argille) rocce tipo tufi presenza reti elettrosaldate presenza di acqua in superficie presenza di corpi metallici in superficie terreni accidentati (difficile utilizzo)

Caratteristiche tecniche:
Le diverse antenne georadar disponibili sono le seguenti:
  • antenne 900Mhz - 1,5Ghz, ideali per strutture, max profondità 0,5-1m
  • antenne 400MHz - 500Mhz, con migliore dettaglio dei primi 4-5m in terreni sciolti
  • antenna 200Mhz, raggiunge profondità 10m in terreni sciolti ma la parte superficiale viene compressa antenna da foro Tubewave - 1000;
  • antenna 960MHz, bandwidth 500-1500MHz, depth range 20 ns, profondità 0.2-1m dimensioni: 37 x 600 mm (Ø x L) peso: 1.5 kg (cavo escluso)
In mezzi omogenei e continui (es: calcestruzzo-roccia) le profondità raggiunte dalle singole antenne sono maggiori.

 Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato