Chiamata rapida:+393282728632


Tunnel base del Gottardo

Questo gioiello di ingegneria permetterà di raggiungere Zurigo da Milano in meno di tre ore.
Grazie ai sistemi di rilievo e monitoraggio viene terminata senza problemi la foratura di un tunnel lungo 57 chilometri, partendo dai due lati della montagna per incontrarsi nel mezzo, con riscontro di lievi scostamenti.
Per ottenere questo risultato sono stati necessari strumenti di misurazione altamente precisi per guidare le operazioni e portare al compimento del progetto.
Le misure sono state verificate fino alla precisione millimetrica.
Il lavoro del tunnel, è stato iniziato nel 1996, 20 anni fa. Gli ingegneri dei rilievi impostarono una rete di base con 20 punti di riferimento. Per questo compito, hanno usato stazioni totali, dispositivi di misurazione ottica e GPS con soluzioni di navigazione satellitare di Leica Geosystems.
La perforazione è iniziata, non solo a Erstfeld (portale nord) e Bodio (portale sud), ma anche in tre punti intermedi in cui i canali laterali hanno raggiunto il tunnel principale: Amsteg, Sedrun e Faido. A Sedrun (alto 1.405 m), un tunnel verticale lungo 800 m è stato perforato fino alla galleria principale in modo che i lavoratori edili possano spingersi sia a nord così come a sud da quel punto. Durante la costruzione del tunnel, il rilievi e i vari compiti di misurazione dovevano essere ripetuti ogni 400 metri.
Al fine di assicurarsi che il tunnel era posizionato proprio sul corso di progetto, gli ispettori dovevano controllare le coordinate dei punti di riferimento. Inoltre, l'altezza esatta doveva essere misurata con dispositivi di livellamento anche da Leica Geosystems.
Al momento della rottura dell’ultimo diaframma nel mezzo del tunnel, il 15 ottobre 2010, le due sezioni del tunnel si sono incontrate con una deviazione di soli 8 centimetri, con rispetto della tolleranza massima di progetto assunta in 25", ha detto Ivo Schaetti, un ingegnere per i rilievi del VI-GBT. 
Egli spiega che il rilevamento in tunnel è molto esigente a causa di variazioni di temperatura, umidità e polvere. "Per fortuna, abbiamo potuto sempre contare sulla precisione delle soluzioni di rilevamento di Leica Geosystems", aggiunge Schaetti. "Sono molto precisi. È possibile misurare una distanza di 400 metri con una precisione di meno di un millimetro."
E' stato eseguito anchr  un monitoraggio delle dighe sopra il tunnel durante l'intero periodo di costruzione, i dintorni di tre laghi artificiali sopra il tunnel hanno richiesto il monitoraggio: Curnera, Nalps e Santa Maria. C'era una leggera probabilità che la costruzione del tunnel, posizionato ad una profondità di 1.4 chilometri sotto i laghi, avesse potuto interessare la stabilità delle loro dighe. I dispositivi completamente automatizzati di Leica Geosystem hanno monitorato le dighe per tutta l'intera costruzione del tunnel dal 2000 fino al 2015.
"Le nostre stazioni totali hanno monitorato i minimi movimenti dei prismi che sono stati montati in prossimità delle dighe", dice Falko Henning, Leica Geosystems product manager. "Fortunatamente, nessun movimento insolito si è verificato."
Non c’è stato alcun ritardo importante durante i tempi di costruzione, e il tunnel sarà inaugurato come previsto l' 1 Giugno 2016.
Il 1º giugno 2016, 17 anni dopo la prima esplosione nel cunicolo principale, la galleria ferroviaria più lunga del mondo sarà inaugurata ufficialmente. La Svizzera ha un buon motivo per festeggiare.
Una tradizione svizzera
Leica Geosystems ha una ricca storia in Svizzera. Dalle sue origini con Kern & Company fondata nel 1819 ad Aarau, oggi leader nel settore della tecnologia di misura, opera a livello globale al servizio dei clienti in molti segmenti, tra cui l'ingegneria, la costruzione e l'estrazione. Leica Geosystems vanta una tradizione di quasi 200 anni, Con un impegno per la qualità svizzera e una visione globale, supporta da allora i professionisti in tutto il mondo per ottenere opere di ingegneria come questo tunnel.
Grazie ai sistemi di rilievo e monitoraggio
viene terminata senza problemi la foratura di un tunnel lungo 57 chilometri, partendo dai due lati della montagna per incontrarsi nel mezzo, con riscontro di lievi scostamenti.

Per ottenere questo risultato sono stati necessari strumenti di misurazione altamente precisi per guidare le operazioni e portare al compimento del progetto.

Le misure sono state verificate fino alla precisione millimetrica.
Il lavoro del tunnel, è stato iniziato nel 1996, 20 anni fa. Gli ingegneri dei rilievi impostarono una rete di base con 20 punti di riferimento. Per questo compito, hanno usato

stazioni totali

dispositivi di misurazione ottica e GPS con soluzioni di navigazione satellitare di Leica Geosystems.

Al momento della rottura dell’ultimo diaframma nel mezzo del tunnel,
"le due sezioni del tunnel si sono incontrate con una deviazione di soli 8 centimetri, con rispetto della tolleranza massima di progetto assunta in 25"
ha detto Ivo Schaetti, un ingegnere per i rilievi del VI-GBT.
Il rilevamento in tunnel è molto esigente a causa di variazioni di temperatura, umidità e polvere.
"Per fortuna, abbiamo potuto sempre contare sulla precisione delle soluzioni di rilevamento di Leica Geosystems"
E' stato eseguito anche  un monitoraggio delle dighe sopra il tunnel durante l'intero periodo di costruzione.
I dispositivi completamente automatizzati di Leica Geosystem hanno monitorato le dighe per tutta l'intera costruzione del tunnel dal 2000 fino al 2015.

Non c’è stato alcun ritardo importante durante i tempi di costruzione

e il 1º giugno 2016, 17 anni dopo la prima esplosione nel cunicolo principale, la

galleria ferroviaria più lunga del mondo

è ufficialmente inaugurata.
La Svizzera ha un buon motivo per festeggiare! Leica Geosystems ha una ricca storia in Svizzera.
Leica Geosystems vanta una tradizione di quasi 200 anni, e supporta da allora i professionisti in tutto il mondo per ottenere opere di ingegneria come questo tunnel.

Noleggia una strumentazione topografica Leica Geosystems con operatore specializzato.